Significato forfettario: sinonimi, contrari, frasi ed esempi

Il termine “forfettario” deriva dal francese “forfait”, che significa “tutto compreso”. In italiano, viene utilizzato per indicare un regime fiscale semplificato per le piccole imprese e i professionisti con un reddito annuo inferiore a 65.000 euro.

Il significato di forfettario sta quindi nell’indicazione di un’unica somma fissa che comprende tutte le imposte e le tasse dovute, eliminando la necessità di tenere conto di ogni singolo costo. Questo regime fiscale semplificato è stato introdotto in Italia nel 2015 con l’obiettivo di incentivare la nascita di nuove imprese e di semplificare la burocrazia per i lavoratori autonomi.

Il forfettario è un regime fiscale molto vantaggioso per coloro che si trovano in una situazione di reddito basso o incerto, poiché consente di sapere in anticipo quali saranno le spese fiscali da affrontare. Inoltre, il forfettario prevede un’aliquota fiscale ridotta del 15% sulla base imponibile, che è pari al 78% del reddito annuale.

Nonostante i vantaggi del forfettario, è importante tenere presente che questo regime fiscale presenta anche alcune limitazioni. Ad esempio, non è possibile detrarre le spese sostenute per l’attività professionale e non è possibile optare per il regime dei minimi. Inoltre, il forfettario non è adatto a coloro che hanno un reddito superiore ai 65.000 euro annui.

In conclusione, il significato di forfettario è quello di indicare un regime fiscale semplificato che permette di pagare un’unica somma fissa per tutte le tasse e le imposte dovute. Questo regime fiscale è particolarmente vantaggioso per le piccole imprese e i lavoratori autonomi con un reddito basso o incerto, ma presenta anche alcune limitazioni che devono essere prese in considerazione prima di optare per questo regime fiscale.

Sinonimi di forfettario

Ecco alcuni sinonimi della parola “forfettario”:

– Regime fiscale semplificato: si riferisce ad un sistema di tassazione semplificato per le piccole imprese e i lavoratori autonomi.
– Flat tax: è una tassa ad aliquota unica, che non tiene conto del reddito reale dell’imprenditore o del professionista, ma si basa su un importo forfettario.
– Aliquota agevolata: si riferisce ad una tassazione vantaggiosa, che prevede aliquote fiscali più basse rispetto a quelle previste per il regime ordinario.
– Regime dei minimi: è una forma di tassazione agevolata per i professionisti che hanno un reddito annuo inferiore ad una soglia stabilita dalla legge.
– Tassazione forfettaria: indica un sistema fiscale che prevede una tassazione ad importo fisso, che non tiene conto delle spese effettivamente sostenute dall’imprenditore o dal professionista.

I suoi contrari

Il contrario di “forfettario” è un regime fiscale complesso con tasse e imposte calcolate in base al reddito effettivo, senza una somma fissa. Opposto al forfettario è anche il regime fiscale dei grandi contribuenti, che si applica a imprese e professionisti con un fatturato elevato. Inoltre, si può dire che il contrario del forfettario sia il regime fiscale ordinario, che prevede la deduzione delle spese effettivamente sostenute e l’applicazione di aliquote fiscali variabili.

Frasi con la parola forfettario ed esempi

1. Grazie al regime forfettario, il giovane imprenditore ha potuto avviare la sua attività senza dover affrontare costi fiscali eccessivi e complessi.
2. La scelta del regime forfettario si è rivelata la soluzione ideale per l’avvocato che ha avviato la sua attività in proprio, permettendogli di avere maggiore sicurezza e previsione sui costi fiscali.
3. Un regime fiscale forfettario è particolarmente adatto per quei professionisti che hanno un reddito annuo basso e che, grazie a questa soluzione, possono evitare di dover affrontare una complessa ed onerosa contabilità aziendale.

Elisabetta Mariani